Utilizziamo i cookie per semplificare la navigazione nel nostro sito Web. Ulteriori informazioni

Wolf Oil Corporation

Aspetti fondamentali dell'LSPI

LSPI sta per Low Speed Pre-Ignition. Questo problema limita gli OEM nell'utilizzo del downsizing dei motori. Leggere quanto riportato di seguito.

Technical Expertise

LSPI – cosa significa

LSPI (Low Speed Pre-Ignition) si verifica quando ha luogo la combustione e può provocare danni ingenti. Espressamente, la combinazione di carburante e aria brucia prematuramente, provocando una pressione estrema all'interno dei cilindri.

LSPI spesso si traduce in un motore rumoroso. Tuttavia, questo è solo parte del problema in quanto l'LSPI può comportare danni ingenti al motore, rappresentando quindi tra i problemi più gravi oggi per le moderne tecnologie dei motori.

Perché si verifica l'LSPI?

Ecco alcune informazioni importanti: nel rispondere alle ambizioni a livello mondiale di un consumo di carburante più efficiente e minori emissioni, i costruttori di veicoli hanno prodotto motori a benzina più piccoli e dotati di turbocompressore, chiamati sovralimentati. Questi motori sono in grado di funzionare a regimi ridotti e coppie elevate, presentano un'efficienza superiore e una maggiore densità di potenza che eguaglia gli standard definiti dal mercato nonché rispettano la normativa introdotta in vari Paesi.

Ford e GM hanno introdotto motori con un numero ridotto di cilindri e cubatura minore, ad esempio una capacità dei cilindri pari a  1,0 litri. Questi motori dovrebbero presentare la stessa disposizione e potenza dei motori da 1,6 litri a quattro cilindri, mentre il risparmio di carburante è aumentato del 20% e le emissioni di CO2 sono diminuite. Come prova del progresso, questi motori presentano una incredibile velocità di produzione annuale. 

Sono stati tuttavia rilevati dei problemi con questi motori. È stata rilevata l'insorgenza dell'LSPI, una combustione prematura prima della consueta combustione provocata dalle candelette che causa un rumore di battito avvertibile anche dal conducente.

LSPI si verifica in motori più piccoli, questo è un fatto noto. Tuttavia, l'esatta causa di questo problema non è stata ancora stabilita. In base a una teoria, una goccia di olio arriva nella camera di combustione attraverso lo spazio tra il pistone e la parete del cilindro. Da qui, viene a contatto con il carburante e prende fuoco. Un'altra teoria ipotizza invece che la causa dell'accensione sia da ricercare nei depositi. Nessuna di queste due teorie esclude l'altra.

LSPI può causare rumorosità e gravi danni al motore. L'utilizzo di un lubrificante può aiutare a evitare questo problema.

Quali sono gli effetti dell'LSPI?

Non è tanto la rumorosità il problema: l'LSPI può causare molto rapidamente gravi danni al motore. Quando si verifica l'LSPI, i pistoni e le bielle si muovono verso l'alto risultando particolarmente esposti a danni. Gli anelli dei pistoni possono subire danni o addirittura rompersi nei casi più gravi, le bielle possono deformarsi e possono essere coinvolte anche le candele di accensione.

LSPI limita la capacità dei costruttori di veicoli di far girare i motori dotati di turbocompressore al massimo delle prestazioni e questo rappresenta uno svantaggio e ostacola il progresso.

Cosa si può fare per risolvere questo problema?

In che modo è possibile prevenire il fenomeno dell'LSPI? La natura dannosa dell'LSPI e il suo comportamento imprevisto rappresentano una grande sfida per la ricerca. Vi sono valide ragioni per credere, tuttavia, che i lubrificanti possano anche svolgere un ruolo nell'evitare l'insorgenza del fenomeno LSPI. In questo ambito i fornitori di additivi hanno condotto studi rivoluzionari.

Ad esempio, le possibilità che si verifichi l'evento LSPI sembrano essere maggiori in caso di utilizzo di oli con quantità di calcio elevate. Detto ciò, l'LSPI non sembra ripresentarsi con maggiore frequenza in caso di utilizzo di detergenti a base di magnesio e di miscele al molibdeno e, a conferma di ciò, la frequenza di eventi LSPI diminuisce.

Risolvere il problema dell'insorgenza dell'LSPI non è semplice quanto sostituire un componente con un altro. Ogni componente svolge numerose azioni e la qualità di un lubrificante viene alterata in vari modi quando se ne modifica la composizione.

Prevenzione dell'LSPI e come deve essere espressa nelle specifiche

Il settore degli oli lubrificanti è impegnato costantemente nel produrre una prova motore idonea che possa misurare in modo efficace la composizione dei lubrificanti nell'LSPI. Sviluppare tecnologie dei lubrificanti all'avanguardia mirate a evitare l'insorgere di LSPI, consentendo in questo modo agli OEM di progredire nello sviluppo di motori sempre più economi e a basse emissioni, è il nostro obiettivo principale.

A breve saranno introdotte specifiche dell'olio già conformi alla prevenzione dell'LSPI e si prevede che le specifiche ILSAC GF-6 riguarderanno una prova motore Ford indicando una diminuzione dei prospetti dell'insorgenza dell'LSPI.

In sintesi:

  • LSPI (Low Speed Pre-Ignition) ha luogo quando si verifica la combustione ed è nocivo per il motore.
  • Il fatto che l'LSPI si verifichi su motori più piccoli è un fenomeno noto, sebbene l'esatta natura del problema sia di difficile individuazione.
  • L'LSPI può compromettere definitivamente il motore, oltre a comportare elevata rumorosità.
  • Esistono tuttavia delle indicazioni positive che la composizione dei lubrificanti possa svolgere un ruolo importante nella limitazione dell'LSPI.
  • Miriamo a introdurre tecnologie avanzate di lubrificanti che possano aiutare a ridurre l'LSPI, consentendo in questo modo agli OEM di migliorare la produzione di motori a basse emissioni e rispettosi dell'ambiente.

tag: motori, innovazione, lspi, low speed pre ignition

CHAMPION LUBRICANTS LANCIA LA NUOVA GAMMA MOTO IN ITALIA

Champion Lubricants è davvero entusiasta di lanciare sul mercato italiano la sua nuovissima gamma avanzata di lubrificanti per motocicli e prodotti per la manutenzione! Lavorando in collaborazione con il suo partner di distribuzione esclusivo, Centro Distribuzione Ricambi (CDR), la gamma di moto...

Ulteriori informazioni

Champion Lubricants confermato Offical Lubricant Partner del FIA World Rallycross Championship

Il FIA World Rallycross Championship ha confermato Champion Lubricants come partner ufficiale per i lubrificanti per i prossimi due anni: la prossima stagione 2020 e di nuovo nel 2021.

Ulteriori informazioni

Prodotto nell'immagine: CHAMPION OEM SPECIFIC 5W30 C3

Un olio motore che migliora le prestazioni e può essere utilizzato per la manutenzione di un'ampia gamma di veicoli di diverso tipo? Sì, esiste!

Ulteriori informazioni